Antonio “Rigo” Righetti entra nella famiglia MONO!


Rigo MONO headAntonio Righetti, è un bassista rock fino al midollo: dagli esordi con i Rocking Chairs fino agli stadi con la band storica di Ligabue, passando per una carriera solista costellata dall’amore per gli States; Rigo porta con sè la passione per la vita da musicista on the road, d’ora in poi ufficialmente con MONO, il meglio per proteggere i propri sturmenti.

In occasione dell’ufficializzazione del suo endorsement MONO, gli abbiamo fatto qualche domanda, ecco cosa ci ha raccontato.

Ciao Rigo, come e quando è iniziata la tua passione per il basso?

Diciamo che è la naturale evoluzione delle dinamiche presenti nei cortili dell’infanzia e prima adolescenza, quando mi sono trovato a ricoprire il ruolo di bassista nella band che avevamo formato ai tempi, prima ancora di sapere effettivamente suonare, semplicemente perché “un bassista ci voleva”. Comunque è stato amore a prima vista!

Vanti una carriera piena di importanti collaborazioni con artisti italiani e internazionali, che hai seguito in numerosi tour. Se dovessi scegliere un concerto in particolare, quale diresti che ti ha emozionato di più?

Direi senz’altro il Pavarotti International del 1996: eseguire un pezzo da noi registrato come Certe Notti con l’ausilio della grande voce di Luciano Pavarotti è stato emozionante. Proprio come il soundcheck dopo Eric Clapton con alla batteria Steve Gadd, un momento di consapevolezza dell’umiltà di questi grandi personaggi.

Da solista hai pubblicato numerosi album, prodotti sempre di pari passo con le tue collaborazioni. Come riesci a conciliare tutti questi progetti?

Con impegno costante e quotidiano per un mestiere che è una passione. Si tratta di qualcosa che farei anche se, mio malgrado, dovessi fare un altro lavoro per sostentare la mia vita familiare.
Non esiste la scritta “chiuso per ferie” per un musicista, tant’è che anche quest’anno ad agosto ho ultimato la cruciale fase di mixing e mastering del mio nuovo lavoro in uscita a ottobre.
D’altronde, i miei dischi da solista mi servono per sperimentare le possibiltà espressive del fare musica.

Sei da poco entrato nella famiglia MONO, cosa ti ha fatto scegliere questo marchio?

IMG_1011

La custodia per il nostro strumento è una scelta che influenza moltissimo la nostra vita lavorativa, vedere Mono preoccuparsi per il mio basso, scegliendo i materiali più all’avanguardia e i sistemi più sicuri per trasportarlo mi ha fatto capire che era ciò che stavo cercando.

Quali sono i tuoi prossimi progetti?

Il 19 settembre sarò a Campovolo a Reggio Emilia con Luciano Ligabue, festeggeremo i vent’anni del nostro disco Buon Compleanno Elvis davanti a 150.000 persone. Inutile dirvi che le prove mi hanno visto sfrecciare per la via Emilia con la mia moto e una custodia Mono appesa alle spalle.
Poi ci sono tantissimi concerti già in agenda, sia col mio trio per presentare il mio nuovo CD, che con Mel Previte and his Gangsters of Love. A ottobre invece mi sposterò in Germania per un periodo di lavoro come bassista.

Backline ti augura in bocca al lupo per tutti questi nuovi progetti, Rigo. GO PLAY!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...