Push Tour: Paolo Gozzetti, Creativo e Intelligente. Ovvero Creare E Suonare Con Push!


Gozzetti“Creativo e Intelligente” sono due aggettivi per definire Push scelti da Paolo Gozzetti, pioniere della musica elettronica in Italia, tra i nostri ospiti sul palco del Push Tour a Milano il 16 Ottobre.

Paolo Gozzetti è un produttore, sound engineer e remixer, nonchè mente del progetto elettronico Sigmatibet, pioniere della techno ed elettronica italiana, e remixer con il progetto Italoconnection. Come programmatore e produttore ha lavorato con moltissimi nomi della scena musicale (Delta V – Italoconnection – Mark Stewart – The Human League – Ou est le Swimming Pool – Hurts – Hooverphonic – Elisa – Flabby – Amor Fou – Patty Pravo- La Crus – Vasco Rossi – Pacifico -Tiziano Ferro – Scisma – Avion Travel – Daniele Silvestri – Vittorio Cosma – Casino Royale)

Cosa mostrerai nella tua performance durante la tappa di Milano del Push Tour?

La mia sarà, piu’ che una performance, una dimostrazione di come creo un brano dal nulla. Questo workflow è veramente il percorso creativo che usualmente ho in fase di lavorazione. Utilizzero’ Live9, e Push. La cosa che spero di trasmettere è l’integrazione totale che si crea lavorando con una macchina come Push, che ti segue in maniera intelligente durante tutta la fase di produzione: dalla sperimentazione al mix finale.

Quale sarà il tuo setup?

Voglio utilizzare un setup assolutamente minimale, poichè credo che questa sia la base applicabile a tutte le situazioni, dalle piu’ limitate alle piu’ elaborate. Non c’è bisogno necessariamente di sovrastrutture per creare musica in maniera confortevole e completa, basta conoscere il materiale che si usa ed utilizzarlo secondo il proprio sentire. Quindi utilizzero’ Laptop, Push, un Hard Disk con le mie librerie ed un’interfaccia audio.

A cosa ti serve Push e perché uno dovrebbe decidere di inserirlo nel proprio workflow?

Push si inserisce discretamente nel workflow, ed è la cosa che apprezzo di piu’. Io sono un assiduo utilizzatore di Live ed ormai negli anni ho consolidato un flusso di lavoro che non mi andava di cambiare, tantomeno in funzione di un nuovo device. Io credo che gli strumenti siano dei tool che devono assecondare la propria creatività ed il proprio workflow, e Push fa esattamente questo, si frappone tra te e Live e ti dice: “ehi, se hai bisogno la 909 la facciamo qui, che si fa veloce e magari ci scappa qualche idea nuova…”

Quali sono i progetti a cui stai lavorando attualmente?

Sono in una fase conclusiva di un importante progetto pop italiano, e mi appresto a tornare a lavorare su nuovo materiale Sigmatibet e Italoconnection. Inoltre sto riprogettando i miei live set, e Push avrà un ruolo centrale. Ho in mente di lavorare con push anche sui live show di un progetto del mio amico Claudio Vittori.

Che ruolo ha Ableton Live nel tuo lavoro?

Ableton Live ha un ruolo centrale nel mio lavoro. Ho cominciato con Cubase e l’ho utilizzato per 15 anni, finchè mi hanno fatto scoprire Live. Ho cominciato utilizzandolo per i miei Liveset come Sigmatibet, poi il mio amico Roberto Vernetti mi ha “obbligato” ad utilizzarlo durante una sua produzione, e mi si è accesa la lampadina e non ho piu’ cambiato. Ora è diventata la mia DAW principale. La velocità di Live nel processo creativo è ineguagliabile. Utilizzo Cubase ormai solo per il comping delle voci, unica cosa che mi piacerebbe un giorno vedere su Live.

Pensi che l’uso di Live e Push si possa integrare in una band pop/rock tradizionale?

Penso proprio di si, in diversi contesti. Push permette di essere utilizzato sia come “player” di clips, quindi come controller di Live nella maniera più’ consolidata (cioè come hub dal quale fare partire clips e scene all’interno di un concerto, evento, dj set) sia come vero e proprio strumento musicale, permettendo all’artista di “suonare” push sostituendolo ad una normale keyboard. (anche esteticamente può’ avere un grande impatto sul pubblico, e prevedo verrà utilizzato in maniera massiccia). Io sicuramente lo utilizzerò’ in tutte le sue forme: quando faro’ i miei dj set, come controller “creativo”, e nei live set di band con le quali mi appresto a collaborare. Una cosa che adesso manca, ma che sicuramente immagino verrà implementata in una futura release, è la possibilità di triggherare clips dal foot controller (per ora esclusivamente sultain) per permettere di utilizzare looper senza mani.

Sapresti definire in due aggettivi Push?

Creativo, Intelligente.

Siete curiosi di ascoltare Paolo Gozzetti e gli altri professionisti sul palco con Ableton Live e Push? Allora non mancate il 16 Ottobre al San Vittore a Milano, niente sarà come prima!

Per partecipare all’evento iscrivetevi qui!

GOZZETTI BIO

gozzetti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...