Basso, musica e lavoro: quattro chiacchere con Lorenzo Poli!


BACKLINE: lorenzo poli (ph© roberto cifarelli) *Lorenzo Poli è uno tra i bassisti più stimati e richiesti della musica italiana. Nella sua carriera ha solcato tutti i palchi più importanti dello stivale, da quello del Festival di Sanremo al mega concertone del Primo Maggio a Roma.

Nel corso degli anni ha suonato il basso live, in studio di registrazione e in televisione con numerosi artisti tra cui Renato Zero,  Vasco Rossi, Enrico Ruggeri, Biagio Antonacci, Ron, Franco Battiato, Alexia, Mina e Adriano Celentano [Discografia Essenziale]. Lakland è fiera di avere come endorser un musicista apprezzato e stimato come Lorenzo! Noi di Backline abbiamo voluto porgli qualche domanda per conoscerlo meglio e carpire il segreto di un bassista così richiesto.

Backline: “Ciao Lorenzo, qual è stato il momento in cui ha capito che il basso sarebbe stato uno strumento di lavoro oltre che una passione?”

Lorenzo: “Ciao a tutti! Avendo iniziato a lavorare con le orchestre da ballo quando ero molto giovane (15 anni) non ho memoria di un momento preciso o una decisione storica. Tuttora, a 46 anni compiuti, le due cose convivono felicemente e ammetto di sentirmi molto fortunato per questo!”

Backline: “Nella tua carriera hai suonato con artisti molto importanti e anche molto diversi tra loro, ma quali sono le caratteristiche che vengono universalmente apprezzate in un musicista turnista?”

Lorenzo: “Non saprei dire se ci siano delle qualità comuni a tutti i session man…credo che ognuno abbia il proprio punto di forza come il sound, l’inventiva, la versatilità, l’adattabilità psicologica alle altre persone con cui si lavora, saper leggere bene la musica eccetera. Certo avere il sound giusto per il  brano da suonare credo sia  la componente primaria e in questo i bassi Lakland mi hanno aiutato parecchio. Li uso veramente ovunque dalle produzioni televisive ai concerti ed in tanti dischi.”

Backline: “Di solito quanta libertà hai in studio e live per la scelta del suono? E da questo punto di vista, quali sono i tuoi bassisti di riferimento?

L: “Devo dire che negli anni ho avuto sempre maggiore libertà nella scelta del suono a parte casi particolari in termini stilistici. Come ti dicevo dal 2004 circa uso bassi Lakland. Sono tutti della serie Skyline, il primo che acquistai fu un 55-01 che uso ancora soprattutto in studio, poi nel 2010 ho iniziato a suonare un 55-02 e non me ne sono più separato, lo adoro! Da quando ho ufficializzato il mio rapporto di endorsment col marchio utilizzo anche un Derryl Jones 5 corde con elettronica passiva. Per il Festival di Sanremo o in studio mi capita di utilizzare in alcuni brani anche un Gibson SG e un Gretsch G2220 entrambi con corde lisce, un Fender Precision, un fretless 5 corde Steinberger e un basso acustico Ibenez customizzato.”

Backline: “Ci potresti raccontare quali sono per te le caratteristiche di un buon basso?”

Lorenzo: “Non sono un intenditore di legni, elettronica eccetera, ho sempre scelto gli strumenti a feeling. Mi piacciono i bassi con molto carattere e che non abbiano difetti di sustain…almeno nelle prime 6 o 7 posizioni sulla tastiera.”

Backline: “Cosa consigli ai ragazzi che vogliono diventare musicisti professionisti?”

Lorenzo: “Dispensare consigli è una cosa molto delicata ma me lo hai chiesto e lo farò! Se devo dare un consiglio del tutto personale direi di suonare con quanti più musicisti possibili, accettando di suonare più generi musicali diversi e soprattutto nuovi per chi li deve affrontare. Il mondo musicale che abbiamo vicino, e quello di tutti i giorni, possono essere una scuola di inestimabile valore, basta suonare sempre con passione cercando di impegnarsi e contestualizzarsi il più possibile. Poi riterrei quasi obbligatorio conoscere un po’ di teoria e di armonia, oltre a sviluppare una buona tecnica sullo strumento sufficiente a far uscire dalle mani ciò che le nostre orecchie vorrebbero sentire.”

Backline: “Grazie Lorenzo di averci dedicato il tuo tempo, un’ultima domanda: prossimamente dove potremo vederti live con il tuo Lakland?”

Lorenzo: ” Grazie a voi! I prossimi appuntamenti saranno con la mia band Fondaction il 26 Luglio a Vaprio d’Adda, poi sarò a Malta fino all’1 Agosto con un’orchestra sinfonica diretta dal M° Steven Mercurio accompagnando Zucchero, Joseph Calleja e Rebecca Ferguson. Ciao a tutti!”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...