SUPER PRODUTTORI, PITCH CORRECTION, HIP HOP , MANIPOLAZIONE AUDIO , CELEMONY MELODYNE E DINTORNI…part two…


Questo slideshow richiede JavaScript.

Luis Resto

L’uomo dell’Hip Hop

Muove i primi passi nel mondo professionista come tastierista sessione man nell’ambito di alcune produzioni underground di New York con i Was (Not Was) e partecipando come assistant producer alle prime sessions di produzione di Hip Hop indipendente ….ora i suoi credits spaziano da Eminem ( Ha vinto l’Oscar per la co-scrittura di Loose Yourselves ) a The Game , da 50 Cent all’icona hip hop Tupac Shakur ….

 Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei.

 Luis Resto non ha certo bisogno di presentazioni se giudichiamo in base alle sue frequentazioni: da Aretha Franklin a Eminem , Da Patti Smith a Tom Jones , da Paul Simon ad Iggy Pop…, il super tastierista ed arrangiatore ha prestato il suo talento creativo ad alcune delle più celebri recording stars del mondo…

Membro fondatore della funk/fusion band degli anni ‘80  Was( Not Was) , Luis ha vinto in tempi recenti l’Accademy Award per “Loose Yourselves” , brano co-scritto ed arrangiato con l’imperatore dell’hip hop Eminem per il film 8 Miles : un hit fenomenale che ha passato 12 settimane al numero 1 della pop charts di tutto il mondo.

“ Credo che Luis sia un vero genio musicale “ ha confermato lo stesso Don Was “ Luis è la prima persona che ha fatto del sintetizzatore il suo strumento principale anche in fase di scrittura delle canzoni; è stato radicale nella sua innovazione ed è tra i padri di un vero genere musicale …e può suonare qualsiasi strumento . E’ un talento nato “

 Nato a An Arbor nel Michigan , figlio più giovane di una famiglia Portoricana , Resto é sempre stato influenzato dai diversi generi musicali che i tre fratelli più giovani ascoltavano in casa. All’età di nove anni, per accompagnare suo fratello Mario alla chitarra, ha iniziato a suonare il pianoforte e seppur giovanissimo ha cominciato a frequentare gli ambienti delle bands liceali dell’Interlochen Center for Arts, dove un insegnante lo ha introdotto ai futuri membri di Was (Not Was)  

Dallo scioglimento del gruppo nel 1993 , Resto ha proseguito la sua carriera come session player con altri membri dei Was Not Was per diverse produzioni con Bonnie Raitt, Stevie Nicks, Herbie Hancock, Iggy Pop, Bert Parks …In seguito è entrato nel mondo della registrazione collaborando con personaggi  del circuito di  Detroit del calibro di George Clinton, Anita Baker, Earl Klugh e Gladys Knight. Poi è arrivata la coproduzione con Paul Simon ed una lunga serie di produzioni di remixes per  Rolling Stones, Red Hot Chili Peppers , Madonna e Patti Smith.

 Al culmine della sua carriera in questo periodo è co-scrittore e co-produttore con Eminem per i progetti dell’artista e una serie di altri come 50 cents, Jay Z, Nas e Obie Trice.

 Quali lavori della tua carriera ritieni più importanti e come sono stati registrati ?

The Massacre di 50-Cent’s,  il remake di Adam Sandler’s The longest Yard , il progetto solista di Bizarre ( un membro dei D-12 ) , Encore di Eminem, Loyal to the Game di  Tupac Shakur. Tutti registrati per la maggior parte su Pro Tools negli studi 54-Sound nel Michigan, quelli che preferisco per il mio lavoro…

 Hai utilizzato Melodyne su questi progetti? In quali canzoni e dove ?

Si, e parecchio. Nell’album di 50 Cent , nella track Gatman e Robin ad esempio ci sono diverse doppie voci di Marshall e di 50 che ho dovuto lavorare molto per fonderle insieme al meglio. Anche il progetto solo di Bizarre ha avuto necessità di parecchi ritocchi melodici con Melodyne…Nella canzone di Tupac Shakur “Don’t You trust me” con Dido ho in pratica interamente costruito la linea cantata  “…Don’t know if I can trust you “ in risposta al fraseggio di Dido …

 Come ha cambiato Melodyne il tuo modo di lavorare in studio con i file audio ?

Ci metto un attimo a capire se una determinata linea melodica stride anche lievemente con una linea vocale o strumentale. A parte la vera e propria intonazione può essere che una particolare situazione non “suoni bene “ anche se perfettamente a tono ( soprattutto quando ci sono tutti questi suoni ora e nel mondo dell’hip hop tutti questi samples sonori  presi qua e la ) ; quindi utilizzo Melodyne alterando delle piccolissime parti in modo che il tutto suoni semplicemente bene…

Spesso nell’hip hop devo partire dall’idea dell’artista e manipolare qualsiasi parte dell’audio, delle note o degli accordi per adattarli all’ idea di partenza ( non spesso “musicalmente corretta” nel mondo dell’hip hop ) e Melodyne mi offre possibilità infinite in questo senso.

L’impressione di lavoro con Melodyne ?

L’ultima versione è semplicemente impressionante. Credo che gli algoritmi di individuazione del pitch e delle sue variazioni lavorino ora al top…una precisione incredibile.

Con l’implementazione di Melodyne in Pro Tools poi è molto semplice ed intuitiva l’uso del tutto….e si possono lavorare e comparare tutti i singoli interventi senza necessariamente importare ed esportare i vari files.

Cosa ti piace di più di Melodyne ?

Il fatto che sia totalmente incolore …a dir la verità non lo uso tanto per la perfezione che posso ottenere ma soprattutto per le idee. Lo uso più come uno strumento di creatività che di correzione tecnica. A volte lo uso parzialmente in modo da lasciare quel tocco d’imprecisione umana che a volte una determinata track richiede.

A volte manipolo interamente un passaggio vocale in una melodia completamente diversa, lasciando inalterata e conforme all’”espressività” dell’artista presente nella frase originale ….

Kipper

Produrre, suonare le tastiere e cantare con Sting.

 Kipper ha diverse ragioni per considerarsi fortunate. Ha lavorato con alcuni dei più quotati musicisti del panorama attuale come Mary J. Blige, James Taylor, Stevie Wonder…e da alcuni anni è ora il produttore , tastierista e background vocalist di Sting. Da un po’ di tempo è anche un utilizzatore di Melodyne e gli abbiamo chiesto che ne pensa…. 

 Le tue produzioni recenti ed i sistemi di registrazione ?

L’ultimo album che ho prodotto è stato Sacred Love di Sting. Ed è stato fatto con Pro Tools…ma da allora sono stato in tour con lui e non ho avuto molto tempo per dedicarmi ad altre cose.

 Su che progetto stai lavorando ora? Cambiamenti di attrezzature ?

Uso ancora Logic e naturalmente Melodyne. Sto lavorando con Jeff Beck, su un nuovo incredibile artista di nome Yasmin Levy, un nuovo progetto di Sting e il mio nuovo album in associazione con Bang and Olufsen….
 

Hai usato Melodyne su questi progetti? In che canzoni e momenti particolari ?

Sto ancora sperimentando con Melodyne e non l’ho ancora usato su un album pubblicato…. ok, no , l’ho effettivamente usato ma non ho intenzione di dirti dove e come…sono un po’ riservato sulle mie tecniche.

 

Melodyne ha cambiato il tuo modo di lavorare ?

Si, nel senso che é uno strumento incredibile per manipolare l’audio. Su questo progetto di Sting stiamo sperimentando cambiamenti di tempo e di tono piuttosto radicali e Melodyne ci aiuta molto in questa sperimentazione.

 Ho appena scritto e prodotto una track for Curtis Stiger ed abbiamo usato Melodyne per abbassare un intero solo di Sax di un semitono. Il solo era perfetto ma poi abbiamo deciso di fare cambiare le linee del cantato ed abbiamo dovuto “aggiustare” il sax…è pressoché  impossibile notare una differenza tra l’originale e la versione abbassata di un semitono.

Come lavori con Melodyne ?

Lo uso con ReWire e Logic. Il mi solo consiglio è di sincronizzare l’audio sulla partenza del primo beat così da essere sempre sincronizzato alla mia sessione di Logic…direi che sono estremamente soddisfatto del mio set up attuale….

 Cosa ti piace in particolare di Melodyne ?

L’enorme potenziale creativo nel poter manipolare l’audio in supporto di qualsiasi idea mi possa venire …

 PER ULTERIORI INFORMAZIONI SU CELEMONY MELODYNE , VISITA IL NOSTRO SITO OPPURE LA NOSTRA COMMUNITY DEI PROFESSIONISTI DELLA PRODUZIONE…

L’ELENCO DEI RIVENDITORI CELEMONY MELODYNE IN ITALIA LO TROVI QUI

2 thoughts on “SUPER PRODUTTORI, PITCH CORRECTION, HIP HOP , MANIPOLAZIONE AUDIO , CELEMONY MELODYNE E DINTORNI…part two…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...